giovedì 15 dicembre 2016

Arrivano le feste e anche il blog va in vacanza.

Ciao a tutte e tutti!


Come avrete notato, è stato un periodo di assenteismo per noi autori del blog (soprattutto per me, Jenny). Siamo tutti presi da università, lavoro, feste in arrivo e così via. Ci scusiamo per non essere stati attivi come avremmo voluto e vi ringraziamo davvero di cuore per aver comunque continuato a seguirci sui vari canali social del blog.

Poiché Natale si avvicina e abbiamo tutti bisogno di staccare un po’, il blog va ufficialmente in vacanza da oggi al 15 gennaio 2017. Quindi, il 16 cercheremo di tornare un po' più attivi.

Per quanto mi riguarda, ho iniziato il lavoro con il servizio civile e sto ultimando la mia tesi di laurea magistrale. Questo mi ha impedito di leggere quanto avrei voluto e quindi sono rimasta senza contenuti da proporvi! Purtroppo sono ben due mesi e mezzo che sono ferma su Anna Karenina. Per quanto mi stia piacendo, non è certo la lettura ideale da affrontare dopo 6 ore di lavoro e 3 di studio per la tesi…ultimamente, nel mio tempo libero, ho preferito dedicarmi maggiormente alle serie TV e a Netflix (diciamo che sono diventata un po' dipendente, eheh).

Ciò detto, noi tutti vi auguriamo buon Natale e buon anno nuovo: che entrambi siano ricchi di tanti nuovi libri ^_^

Ci risentiamo tra un mese,
Jenny

martedì 13 dicembre 2016

Il mondo di Ylenia: i libri che vorrei trovare sotto l'albero

Buongiorno Lettori,

siamo a Dicembre ed è tempo di regali. Io quest'anno sono un pochino in ritardo rispetto al solito. Novembre e Dicembre sono stati due mesi davvero impegnativi ma ora torno in carreggiata con la speranza di rispettare tutte le scadenze che mi sono autoimposta.
Io quest'anno non regalerò libri ma, come al solito, spero di trovarne sotto l'albero (la speranza è l'ultima a morire dicono...).

Ci sono alcuni libri che vorrei tantissimo ricevere: 

1) The Bronte Sisters (Box Set) 
Su Amazon a 53,22 € 

[prima o poi sarai mia]
Per la laurea i miei amici assieme al mio ragazzo mi hanno regalato la collezione della Penguin Classics di tutti i romanzi di Jane Austen che se non si fosse ancora capito è la mia autrice preferita.
Girovagando in internet, da anni ormai, seguo queste edizioni particolari che io trovo bellissime. Ho scoperto, poco tempo fa, che c'è una Box anche per le sorelle Bronte *_* 
Ho già gli occhi a cuoricino!! 
Speriamo.


2) L'arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita di Alessandro d'Avenia
L'arte di essere fragili...
Alessadnro d'avenia
Mondandori
209 pagine
9,99 € (ebook) - 19,00 € (cartaceo)
Alessandro d'Avenia è un autore che ammiro molto. Dei suoi precedenti romanzi ho letto Bianca come il latte, rossa come il sangue e Cose che nessuno sa. Sono ottimi romanzi per adolescenti ma che possono dare molto anche a chi si considera adulto. Le tematiche che affronta sono attuali. 
Mi manca da leggere Ciò che inferno non è.. sono sicura che prima o poi arriverà il suo momento. 
Questo suo ultimo lavoro mi incuriosisce moltissimo e spero di avere presto la possibilità di leggerlo. La copertina è qualcosa di magnifico. 



3) Il palazzo d'inverno di Eva Stachniak 
Il palazzo d'inverno
Eva Stachniak
Beat
415 pagine
7,99 € (ebook) - 13,90 € (cartaceo)
Questo romanzo è ambientato in Russia, come potete pensare che io non voglia?^_^ 
Devo ammettere prima di tutto di essere stata attratta sia dal titolo che dalla copertina e solo successivamente ho letto la trama che mi ha incuriosito moltissimo. 
è da un po' di tempo che si trova nella mia infinita wishlist, chissà mai che qualcuno passi di qui e decida di regalarmelo (lasciatemi sognare ancora un po').



4) Emma // Ragione e sentimento // Northanger Abbey di Nancy Butler 
15,00 €

15,00 € 
Come potrei non avere le graphic novel dei romanzi di Jane Austen?!? Visto che il manga di Orgoglio e pregiudizio è introvabile, devo pur ripiegare in qualcosa.
15,00 €
Ho letto la graphic novel di Orgoglio e pregiudizio e l'ho amata alla follia perché è abbastanza fedele ma moderna allo stesso tempo. 
Spero vivamente che qualcuno guardi questo post e mi faccia felice ^_^ ahahaha

5) Ragione e sentimento di  Reiko Mochizuki
Ragione e sentimento
Reiko Mochizuki
Goen
5,95 €
Vige la regola sopra. Ho letto Emma in versione manga e devo dire che sono rimasta soddisfatta. Mi sono approcciata a questo mondo da poco tempo ma lo trovo davvero suggestivo e particolare. Le tavole, i dialoghi... ogni elemento mi incuriosisce. 
Aspettando il manga di Orgoglio e pregiudizio (anche se sto perdendo le speranze..), vorrei intanto prendere questo.





6) Una valigia piena di sogni di Paullina Simons
Una valigia piena di sogni
Paullina Simons
Harper Collins
524 pagine
2,99 € (ebook) - 14,90 €
Paullina Simons è un'autrice che amo molto. Alle superiori ho letto la trilogia del Cavaliere d'inverno, storia che mi è entrata nel cuore e non se n'è più andata. Forse è stato proprio durante quell'avventura che ho sentito il primo amore per una Russia sconosciuta, un mondo tanto lontano quanto vicino. 
Ancora adesso mi sento di consigliarla a tutti perché non parla solo di guerra ma non parla nemmeno solamente di sentimenti. La trilogia del Cavaliere d'inverno è una storia di vita. 
Sono sicura che questo nuovo lavoro dell'autrice sia all'altezza dei precedenti. 

7) L'estate prima della guerra di Helen Simonson
Dettagli prodotto
L'estate prima della guerra
Helen Simonson
Neri Pozza
541 pagine
9,99 € (ebook) - 18,00 € (cartaceo)
Non conosco l'autrice e non l'avevo mai sentita prima di vedere la foto del romanzo sul Web. La copertina, come tutte quelle della casa editrice Neri Pozza, è meravigliosa: delicata ma molto comunicativa. 
Non ho nemmeno voluto leggere la trama. Il titolo, la copertina mi hanno catturato e spero prima o poi di addentrarmi nella storia senza saperne nulla per poterla vivere al meglio.
Chi non vorrebbe un Neri Pozza sotto l'albero? ^-^



8) Vecchi amici e nuovi amori. Immaginario seguito dei romanzi di Jane Austen di Sybil G. Brinton
Vecchi amici, nuovi amori
Sybil G. Brinton
Jo march
14,00 € cartaceo
Tendenzialmente sono attratta da tutto ciò che possa essere collegato al mondo di Jane Austen. Ormai è cosa risaputa: io amo follemente ogni opera di zia Jane. 
Sono molto aperta a questi romanzi che riprendono i passi di un'autrice in grado di rapirmi il cuore anche solamente con una frase. La casa editrice Jo March è da ammirare perché è stata lei a farmi conoscere Elizabeth Gaskell, un'autrice che amo molto e che, purtroppo, è poco conosciuta in Italia. La casa editrice spesso pubblica romanzi che altrimenti in Italia non arriverebbero. 



9) Via dalla pazza folla di Thomas Hardy 
Via dalla pazza folla di [Hardy, Thomas]
Via dalla pazza folla
Thomas Hardy
Fazi Editore
472 pagine
9,99 € (ebook) - 19,50 € (cartaceo)

Thomas Hardy è uno scrittore che manca nella mia libreria. Se guardo bene c'è uno spazio vuoto che attende proprio di essere riempito. Le edizioni della Fazi Editore sono un sogno per gli occhi. La copertina è stupenda. Il prezzo, tuttavia, è quello che mi fa rimandare l'acquisto del gioiellino. Ho letto moltissime recensioni positive sia del libro che del film. Il film l'ho registrato su Sky ma voglio aspettare a vederlo per leggere prima il romanzo. Ci riuscirò mai? 



10) Shirley di Charlotte Bronte 
Shirley
Charlotte Bronte
Fazi Editore
658 pagine
9,99 € (ebook) - 16,50 € (cartaceo)
Al Salone Internazionale del libro ho acquistato Villette della stessa collana. Come ogni volta, ovviamente, devo ancora leggerlo ma punto a farlo molto presto. Nel 2017 ho voglia di concentrarmi molto sui classici e spero di riuscirci. Le sorelle Bronte hanno un posto speciale nella mia libreria e nel mio cuore assieme a Jane Austen ed Elizabeth Gaskell
Shirley non ho potuto portarlo a casa da Torino perché oltre ad aver speso tutti i miei risparmi non riuscivo più a sollevare la mia valigia. Prima o poi sarà mio!! 

Voi cosa avete chiesto per Natale? Io sono quasi sicura che sotto l'albero non troverò nessun libro ma continuo a sperare. Per il resto non ho chiesto nulla... qualcosa sicuramente arriverà. 

Per questo 2016 è tutto lettori. è stato un anno entusiasmante e sono davvero felice di averlo passato al vostro fianco. Nel 2017 tornerò più carica che mai a farvi compagnia. In questo piccolo periodo di pausa programmerò tantissimi post in modo da essere sempre presente anche nei prossimi mesi.


Vi auguro un sereno Natale vicino alle persone che amate tanto!

Vostra Ylenia

giovedì 8 dicembre 2016

Un libro e una tazza di tè: 1984

Buongiorno lettori, 

il romanzo di cui vi parlo oggi era tra i libri da leggere della mia libreria da ormai tre anni. Dopo la maturità però non ho mai avuto occasione di iniziarlo. Lo guardavo da distante, ne ero attratta ma ogni volta passavo ad un'altra lettura. 

Sto parlando di
George Orwell
1984
Mondadori
322 pagine
9,50 € (la mia copia)

Lo scorso mese mi sono accordata con un'amica di leggerlo assieme in modo da condividere pensieri ed idee. Purtroppo lei, per vari impegni di studio, non è riuscita a leggerlo ma io ero nel mood giusto e quindi ho deciso di iniziarlo senza lei (e finirlo pure...). Credo che questa lettura sia capitata al momento giusto. 

1984 è un romanzo ipnotico il cui stile richiede tempo di lettura. La scrittura non lascia che le frasi scorrano via senza senso. Ogni parola è ponderata perché rimanga impressa nella mente. 
Lo stile dell'autore fa girare le pagine una dopo l'altra senza rendersi conto. Ci si immerge nella storia tanto da credere di essere il protagonista, Winston Smith. 

Il mondo è suddiviso in tre potenze: Oceania, Eurasia, Estasia. Winston Smith vive in una Londra utopica, in Oceania, nel 1984. Il protagonista è un impiegato del ministero della Verità che quotidianamente lavora alla revisione di testi scritti in modo da modificare eventuali errori e far combaciare la versione del Grande Fratello. Il Grande Fratello è il partito che controlla il paese in cui Winston vive. Tutto è estremamente sorvegliato, rigido. 
In apparenza sembra che il protagonista viva come chiunque persona, ossia assoggettato al controllo del Partito, in realtà, in cuor suo, nutre un odio profondo per quello che deriva da questa organizzazione. Si rende conto di tutte le cose che non tornano: modifiche alla storia del passato, modifiche del presente, variazioni di dati senza alcuna base reale, sparizione di persone, l'assenza di qualsiasi legge ma il divieto costante di compiere moltissime azioni. 

In questo periodo, durante i Due minuti di Odio imposti dal Partito, Winston conosce Julia, una ragazza per cui prova odio perché la considera membro della Psicopolizia, un corpo che cattura chi si oppone al Partito. 
In realtà scopre in lei una complice con cui vivere un rapporto di "amore". 

Chi si approccia al romanzo sa anche che è impossibile non sentirsi parte di questo mondo così distante ma allo stesso tempo attuale. Ho, infatti, potuto riscontrare la presenza di elementi studiati nei libri di storia. 

Il romanzo è una lettura interessante e meravigliosa che porta il lettore a riflettere sui rapporti umani, sul mondo in cui viviamo, sul passato, sugli errori commessi e che è opportuno non ripetere. 

1984 rivela essere un romanzo distopico per eccellenza. Orwell si può considerare uno dei padri del genere. Sono pienamente soddisfatta della lettura e spero di poter leggere presto La fattoria degli animali. 

1984 entra a far parte dei miei romanzi preferiti in assoluto. Dopo aver letto questo romanzo ho deciso di leggere Il mondo nuovo di Huxley per poter farne un confronto. 

Voi avete letto 1984? 

Fatemi sapere le vostre opinioni nei commenti,

Ylenia

giovedì 1 dicembre 2016

Dicembre TBR - Ylenia

Buongiorno Lettori,

un altro mese è passato e sono soddisfatta delle letture che ho fatto. Mi sono piaciute davvero molto. Non ho rispettato completamente la mia TBR perché ho letto solamente 3 libri su 6 tra quelli che mi ero prefissata ma va bene così.
Novembre è stato un mese travagliato. Ci sono stati momenti davvero tristi ma allo stesso tempo anche giornate felici che non dimenticherò mai.
Ora come ora sono molto impegnata e purtroppo il tempo per le letture è limitato, ma spero di recuperare presto!!

Tralasciando i miei monologhi... 

Welcome December!

Foto fatta da me lo scorso anno.
Quest'anno non so se avrò modo di rifarlo.
Questo mese rimango cauta con il numero di letture. Preferisco farne poche e rispettare la mia TBR piuttosto che, come al mio solito, sperare di leggere miliardi di libri quando il tempo manca sempre.

1) Solo l'Amore di Francesca Lesnoni
Solo l'Amore di [Lesnoni, Francesca]
Francesca Lesnoni
Solo l'Amore
155 pagine
2,99 € ebook
[0,00 € per Kindle unlimited]
 
"Lucia è scomparsa... nessuno sa che fine abbia fatto la dolce sorella di Carlo, unico indizio un biglietto:
"Non preoccupatevi, sto bene. Vado dove ho sempre desiderato essere, da che ho memoria..."
Nessuno però si preoccupa realmente della sparizione di Lucia tranne Pier che, innamorato da sempre di lei, decide di prendersi un anno sabbatico per dedicarsi alla misteriosa ricerca. 
Per sua fortuna Pier potrà contare sull'aiuto di alcune persone, come i signori Dardi, due amabili vecchietti, che gli consegneranno dei bigliettini scritti da Lucia; o Luigi, un sapiente tappezziere con la passione per la lettura, che lo aiuterà a mettere ordine nei suoi taccuini pieni di appunti e divagazioni; o l’amatissimo padre che, al momento opportuno, saprà cogliere una traccia importante…
Ma, prima di trovare Lucia, Pier dovrà confrontarsi con una diversa percezione di sé e degli altri, rivisitare la propria vita, comprendere qual è il suo vero sogno...
Grazie al suo intelligente umorismo e piccoli colpi di scena, Pier si ritroverà su un aereo diretto a Parigi.
Sarà lì che finalmente rincontrerà Lucia?"

Sono stata contattata dall'autrice per leggere e recensire il suo libro. Trovo sia giusto lasciare spazio agli autori esordienti. Sono curiosa di leggerlo e di farvi sapere :)

2) Viola e verde di Pamela della Mina
Viola E Verde (Officina Marziani) di [Pamela Della Mina]
Pamela Della Mina
Viola e verde
Antonio Tombolini Editore
96 pagine
1,99 € (ebook)
"Futura ha vent’anni, parla poco e osserva molto, affacciandosi al mondo da dietro i suoi occhi viola e verdi. Conserva le emozioni ben schedate in un archivio, nell’armadio di fianco al letto. Le ha messe in ordine alfabetico, ma solo per il gusto di aprirle a caso.
Intrappolata in una relazione insana, si logora e crogiola nel dolore, vittima di una dipendenza affettiva dalla quale sembra non vedere né volere vie di scampo.
Come si può desiderare l’amore se non si sa riconoscerlo?
Saranno le amiche d’infanzia a spronarla a reagire e rituffarsi nella vita, dopo alcuni timidi tentativi di farla finita.
Viola e verde è un racconto di rabbia indomabile e amore inevitabile, dal finale a sorpresa, ambientato in una grigia Milano annoiata.
Un incantesimo che fa rimbalzare il lettore tra i propri estremi, in un percorso a ostacoli verso l’accettazione di se stessi, una vita a due colori, a più velocità.
Che sia per tutti una bicromia da esprimere come sinfonia e non come assoli stonati. O forse no."

Anche in questo caso sono stata contattata dall'autrice per leggere e recensire il romanzo. In questo caso il libro non è autopubblicato ma sono curiosa di addentrarmi in una storia che è lontana dalle mie solite letture. 

3) La luna e i falò di Cesare Pavese
Cesare Pavese
La luna e i falò
Einaudi
246 pagine
6,99 € (ebook)
12,00 € (cartaceo)
"Pubblicato nell'aprile del 1950 e considerato dalla critica il libro più bello di Pavese, "La luna e i falò" è il suo ultimo romanzo. Il protagonista, Anguilla, all'indomani della Liberazione torna al suo paese delle Langhe dopo molti anni trascorsi in America e, in compagnia dell'amico Nuto, ripercorre i luoghi dell'infanzia e dell'adolescenza in un viaggio nel tempo alla ricerca di antiche e sofferte radici. Storia semplice e lirica insieme, "La luna e i falò" recupera i temi civili della guerra partigiana, la cospirazione antifascista, la lotta di liberazione, e li lega a problematiche private, l'amicizia, la sensualità, la morte, in un intreccio drammatico che conferma la totale inappartenenza dell'individuo rispetto al mondo."

Sono mesi che dico "lo leggerò" eppure ogni volta qualcosa si mette in mezzo. Questo mese, invece, parteciperò alla Sfida di Lettura organizzata dal blog Le parole segrete proprio con questo romanzo. Spero di chiudere in bellezza questa bellissima esperienza.

4) Il mondo nuovo di Aldous Huxley 
Risultati immagini per il mondo nuovo
Aldous Huxley
Il mondo nuovo - Ritorno al mondo nuovo
Oscar mondadori
340 pagine
9,50 € (cartaceo)
[dati presi dalla copia in mio possesso]

"Scritto nel 1932, "Il mondo nuovo" è un romanzo dall'inesausta forza profetica ambientato in un immaginario stato totalitario del futuro, nel quale ogni aspetto della vita viene pianificato in nome del razionalismo produttivistico e tutto è sacrificabile a un malinteso mito del progresso. I cittadini di questa società non sono oppressi da fame, guerra, malattie e possono accedere liberamente a ogni piacere materiale. In cambio del benessere fisico, però, devono rinunciare a ogni emozione, a ogni sentimento, a ogni manifestazione della propria individualità. Al romanzo seguono la prefazione all'edizione 1946 del "Mondo nuovo" e la raccolta di saggi "Ritorno al mondo nuovo" (1958), nelle quali Huxley tornò a esaminare le proprie intuizioni alla luce degli avvenimenti dei decenni centrali del Novecento."

Questo romanzo me lo ha prestato il mio ragazzo per fare un confronto con 1984 di George Orwell. Lo ho iniziato una settimana fa ma non ho avuto modo di leggero ancora :( 

Ho scelto solamente quattro libri per questo mese. Nel caso mi avanzasse tempo ho deciso che seguirò il cuore. 

Voi avete già scelto quali saranno le vostre letture?? 
Fatemelo sapere nei commenti...

Ylenia

mercoledì 30 novembre 2016

Sogni su pellicola - Flash Gordon

Flash a-ah!
Savior of the Universe
Flash a-ah!
He'll save every one of us

In quanto grande cultore delle produzioni anni ’80 sono particolarmente entusiasta di presentarvi un film che secondo me rappresenta appieno lo spirito di quel periodo d’oro. Sottovalutato e criticato appena uscito, ma rivalutato e divenuto ormai un vero e proprio cult del genere.
Tutta per voi la recensione di…Flash Gordon!  




Titolo Flash Gordon
Regista Mike Hodges
Sceneggiatura Lorenzo Semple Jr.
Attori principali  Sam J. Jones, Melody Anderson, Max von Sydow, Chaim Topol, Ornella Muti
Genere  Fantascienza/Avventura
Durata 100 minuti





Trama
La storia inizia con il dottor Zarkov (Chaim Topol) il quale, studiando diversi disastri naturali che stanno ripetutamente colpendo la Terra, ritiene che una forza aliena e maligna li stia causando intenzionalmente, con lo scopo ultimo di distruggere il pianeta. Nessuno gli crede ma, per una fortunata coincidenza, l’aereo che sta conducendo il nostro eroe Flash Gordon (Sam L. Jones) e la bella giornalista Dale Arden (Melody Anderson) viene colpito da un meteorite e precipita proprio vicino al laboratorio del brillante scienziato. Per dimostrare di aver ragione, e salvare la Terra, quest’ultimo non trova di meglio che convincere con l’inganno i due giovani ad accompagnarlo in un viaggio spaziale. Fortunatamente Zarkov ha un razzo spaziale parcheggiato in garage, e quindi l’avventura può cominciare.
            Giunti sul pianeta Mongo i tre vengono subito catturati dai soldati del terribile imperatore Ming (Max von Sydow), che per noia ha deciso di distruggere la Terra, facendola scontrare con la Luna. Le teorie del dottor Zarkov sono quindi confermate, peccato che i nostri eroi ora rischino la vita (nota personale: a questo punto c’è una scena VERAMENTE meravigliosa, che dovete assolutamente recuperare su youtube, se proprio non volete vedere il film).
Il malvagio imperatore, da classico cattivo, decide di appropriarsi della fanciulla, mentre Flash Gordon viene condannato a morte in una camera a gas.  Fortunatamente la principessa Aura (Ornella Muti), figlia dell’imperatore, vedendo il biondo protagonista se ne innamora, e lo fa rianimare da un chirurgo del suo entourage. I due quindi scappano, preparando dei piani per salvare la bella fatta prigioniera e lo scienziato.
            Tra uomini uccello, città volanti, dirigibili, principi gelosi…la storia prosegue con un ritmo serrante e incalzante, fino ad arrivare alla sua epica ed eroica conclusione.
Come al solito non ve la svelerò, lasciandovi la possibilità di gustarvi questa piccola-meraviglia

Le mie considerazioni
Un’ importante premessa da fare, modificando un proverbio contadino è questa: Il peggior film anni ’80 è comunque migliore del miglior film anni 2000. Ciò per dire che ho una passione immensa, quasi feticistica, per tutto ciò che è stato prodotto tra la seconda metà degli anni ’70 e i primi anni ’90, quindi tutte le mie considerazioni saranno fortemente motivate da questo sconfinato amore, puro e sincero. Ora siete pronti per sapere cosa ne penso.
Come avete letto la trama è quantomeno buffa, sopra le righe, piena di momenti comici più o meno volontari. Eppure il film non è stupido, e nemmeno banale. Certo, è colmo di cliché del genere, tra cattivi con risate diaboliche ed eroi palestrati, ma la storia tiene incollati allo schermo. È un film che coinvolge, che si fa amare od odiare, come lo odia qualcuno che non nominerò (cough cough), ma che non lascia nessuno indifferente. Ridendo o imprecando, i 100 minuti di pellicola scorreranno in quel che sembrerà un secondo.
Un grande, fondamentale contributo a questo coinvolgimento è dato dalla colonna sonora, composta ad hoc dai Queen, che si adatta perfettamente ad ogni scena. Molto importante inoltre il tocco creativo di Danilo Donati, che ha collaborato come art director realizzando scenografie e costumi veramente splendidi (in alcune scene volutamente caricaturali e parodistici).
Ora però un piccolo tentativo di obiettività: per quanto come ribadito più volte lo ritenga un capolavoro devo però ammettere che non è un film semplice da gustare al giorno d’oggi, bisogna avere un certo amore per il grottesco, per l’esagerazione e per il kitsch. Dei barbari palestrati con alette d’angelo potrebbero non piacere a chi è abituato a vedere creature animate di più rifinita fattura. Ma se si supera questo scoglio si verrà inevitabilmente catturati dall’atmosfera del pianeta Mongo, ci si esalterà per le poco realistiche piroette di Flash, e si imprecherà contro il malvagio Ming, sempre al ritmo del buon rock dei Queen.
Come anticipavo è un film che apre uno spaccato su un decennio leggendario, capace di far sognare e sperare per il futuro. E per questo lo adoro (mi pare di non averlo ancora scritto).

Cosa consiglio
Di vederlo! Che altro dire?

Cosa non consiglio
Di non guardarlo se si ha un cuore di pietra. O se si è troppo seri.

Piccolo regalo

Il video ufficiale di Flash dei Queen 


martedì 29 novembre 2016

Un libro e una tazza di tè: La bambina e il sognatore

Buongiorno lettori,

siamo qui per parlare di un libro che mi ha colpito moltissimo. A Settembre ho avuto modo di assistere alla presentazione di questo romanzo alla libreria Palazzo Roberti nella mia cittadina, come forse avete avuto modo di leggere fra le pagine di questo blog. L'autrice mi ha colpito con il suo carisma e la solarità. Non sarei potuta tornare a casa senza la mia copia autografata.

Sto parlando di 

Dacia Maraini
La bambina e il sognatore
Rizzoli
411 pagine
9,99 € (ebook) - 14,00 € (cartaceo)

Questo romanzo è stato il mio primo approccio a Dacia Maraini. La storia e lo stile della narrazione mi hanno colpito sin dalle prime righe. Credo sia stato una specie di amore a prima parola.


Il protagonista è Nani Sapienza, un maestro che lavora in una scuola elementare. L'uomo ha perso la figlia di 8 anni a causa di una malattia incurabile e successivamente è stato lasciato dalla moglie, incapace di superare questo duro colpo che la vita le ha inflitto.

Il romanzo si apre nel bel mezzo del sogno che il protagonista fa in una notte qualunque. Un sogno premonitore che nell'immaginario allaccia un fatto di cronaca realmente avvenuto nel paesino in cui il professore vive. 

"Cammino rapido in mezzo ad una strada quasi cancellata dalla nebbia. Un vento secco e cattivo mi fa socchiudere le palpebre, mi toglie il respiro. Mi chiedo dove sono e dove sto andando. Dal muretto di bastoni sbreccati, carico di rampicanti, che scorgo alla mia sinistra, mi sembra di riconoscere la strada che porta alla scuola in cui insegno. Non vedo a due metri di distanza. Avanzo a fatica, forzando quella parete di vento e nebbia. Improvvisamente quasi inciampo in una bambina che cammina lesta, avvolta in un cappottino rosso da cui esce un collo bianco e lungo. Faccio per dire: mi scusi, e scavalcarla, ma qualcosa in quella bambina mi blocca in mezzo alla strada, stupito." 
(Parte dell'incipit)

La storia si sviluppa a partire da questo momento: l'esatto istante in cui Nani Sapienza capisce di aver sognato qualcosa che è realmente successo senza averlo saputo prima. 
Il sogno si mescola alla realtà e Nani, assieme ai suoi alunni, sarà il protagonista di ricerche volte a trovare questa bambina che sembra scomparsa nel nulla.
In questa piccola cittadina, anche quando gli ostacoli sembrano insormontabili, anche quando la negazione prevale sulla volontà, quando la corruzione e il sospetto si insediano nei cuori delle persone, Nani Sapienza non si arrende.

"Il sospetto a volte mette delle trappole sul cammino del ragionamento."

Alla storia della piccola Lucia, scomparsa e quasi dimenticata, si intreccia la storia di Elena Lievi, madre che parte per la Cambogia con lo scopo di ritrovare la figlia Fatima di cui ha perso ogni traccia da qualche anno.

Un romanzo impregnato di quotidianità, di religione, di corruzione, di fatti di cronaca. Un romanzo carico di attualità. Una storia di sentimenti ma non solo. 
Parte fondamentale di quest'opera sono i bambini che sebbene vengano spesso ritenuti incapaci di comprendere, dimostrano un'acuta intelligenza. L'immaginazione che solamente i più piccoli possiedono in grande quantità spesso gli permette di tratte conclusioni interessanti a cui un adulto non potrebbe arrivare. 

Lo stile dell'autrice è scorrevole, piacevole e coinvolgente. Spero di poter recuperare presto altri romanzi dell'autrice e di addentrarmi nuovamente nelle sue storie. 

Voi conoscete Dacia Maraini? Avete letto qualche suo romanzo?

Ylenia